Modula3 il gestionale che fa per te. A partire da € 90,00. Provalo! Per 1 mese GRATIS !

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

COMUNICAZIONE INDIRIZZO TELEMATICO

Prodotti

FATTURAZIONE ELETTRONICA
COMUNICAZIONE INDIRIZZO TELEMATICO


Questa guida fornisce le indicazioni per eseguire la registrazione dell’indirizzo telematico sul sito dell’Agenzia delle Entrate.
Tale funzionalità nasce con l’intento di semplificare le modalità utilizzate per l’individuazione del canale di trasmissione attraverso il quale il Sistema di Interscambio dovrà recapitare le fatture elettroniche ai diversi destinatari.

Permette a ciascuna P.IVA di indicare la modalità con la quale desidera ricevere le fatture elettroniche nelle quali risulta cessionario/committente (fatture di acquisto)

Un utente che deve riceve le fatture elettroniche può decidere di registrarsi in modo tale che il SdI recapiterà in maniera automatica le fatture a lui destinate sul canale (codice destinatario) ovvero sull’indirizzo telematico (casella di posta elettronica certificata) indicato in fase di registrazione.

L’indirizzo registrato sarà prevalente in fase di indirizzamento fattura tramite SdI rispetto a qualsiasi altro indirizzo indicato in fattura.


Nota importante
La procedura può essere eseguita esclusivamente dal contribuente che deve essere in possesso delle credenziali FISCONLINE, CNS o SPID. In alternativa è possibile delegare il proprio commercialista. Noi vi consigliamo di contattare il vostro commercialista, quindi fate la delega per accedere al vostro cassetto  FATTURE e CORRISPETTIVI. Comunicate al consulente il vostro codice destinatario, se scegliete il nostro intermediario dovete comunicare il seguente indirizzo telematico

TULURSB

sarà quindi il vostro consulente a fare la registrazione nel portale dell'Agenzia delle Entrate del vostro codice destinatario.
Mi raccomando,  fatevi stampare il vostro QRcode che certifica l'avvenuta registrazione del vostro codice destinatario.

Se volete fare da soli, ecco i passaggi da effettuare:


Passo 1


Accedere al sito dell’Agenzia delle Entrate

Passo 2


Selezionare “Fatture e corrispettivi” dal menù “Servizi per…”



Passo 3



Accettare Fai clic sul pulsante "Accedi a Fatture e corrispettivi"

Passo 4



Cliccare sul link  "Registrazione dell’indirizzo telematico dove ricevere tutte le fatture elettroniche"

Passo 5




Selezionata un’opzione desiderata PEC  o Codice Destinatario, quindi indicare o la PEc o il codice destinatario di 7 cifre. Se scegliete il nostro
intermediario potete comunicare il seguente indirizzo telematico TULURSB
Fate clic sul pulsante “Conferma” per continuare.
Accettare le condizioni per attivare il servizio di ricezione. Da questo momento tutte le fatture elettroniche saranno veicolate verso l'indirizzo telematico scelto.

RIFLESSIONI...
Benché sia possibile usare il canale PEC per ricevere le fatture è comunque decisamente preferibile utilizzare il codice destinatario.
Da chi viene fornito il codice destinatario?
Il codice destinatario vi viene fornito dall'
intermediario dove andrete a fare la conservazione digitale delle vostre fatture elettroniche sia attive (vendite) che passive (acquisti). E' ovvio che le fatture elettroniche vanno conservate presso un soggetto autorizzato AgID, c'è ne sono tantissimi e sono tutti a pagamento. L'unico sistema per fare la conservazione digitale gratuitamente è quello dell'Agenzia delle Entrate, ma il servizio offerto è molto limitativo ed indicato solo quando si gestiscono poche fatture annue.
Tutti i clienti dei nostri gestionali possono utilizzare il codice destinatario dell'
intermediario che abbiamo scelto, TULURSB, a cui abbiamo fatto creare una apposita interfacccia di dialogo con i gestionali MODULA3. Ovviamente siete liberi di utilizzare altri metodi e/o intermediari, ma se utilizzarete il codice destinatario TULURSB, tutti i processi di fatturazione, notifiche e ricevimento fatture acquisto saranno automatizzati.
Grazie a questa speciale interfacccia  è possibile indicare al programma un intervallo di tempo (15, 30, 45, 60, 90, 120 minuti), ad ogni intervallo indicato andrà a controllare, senza disturbare il vostro lavoro, la presenza di eventuali fatture di acquisto, oppure notifiche. Se vengono trovate fatture di acquisto in arrivo, il programma vi avvertirà, quindi avrete la possibilità di contabilizzare le fatture automaticamente, leggi tutto...
Se vengono trovate notifiche di scarto o di mancata consegna, verrete immediatamente informati. Per le altre notifiche (trasmissione, consegna,ricezione) possiamo indicare una mail di comodo a cui inviarle. Si, ai letto bene, una mail di comodo, creata appositamente a tale scopo "ricevere le notifiche automatiche che fa il SdI", questa per non intasare la casella di posta che utilizziamo per il normale lavoro.

Per ricevere le fatture elettroniche, è meglio usare la PEC o il codice destinatario ?

La gestione della PEC è stata concepita per piccoli volumi di fatture, le fatture ricevute per PEC saranno esclusivamente nel formato XML, se si decide di utilizzare questo canale è necessario prestare molta attenzione a:

  • non avere la casella PEC piena, nel qual caso la fattura che non potrà essere recapitata sarà resa disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrata e si riterrà comunque emessa;

  • non rispondere alle PEC provenienti dal Sistema di Interscambio per contestazioni di fatture perché verrebbero ignorate e comunque non saranno recapitate al fornitore che ha emesso la fattura;

  • scaricare la fattura e inviarla ad un sistema di conservazione nel caso in cui non si sia optato per il servizio dell’Agenzia delle Entrate;

  • non avere la necessità di ricevere fatture con allegati superiori a 30 MB, limite massimo per i messaggi PEC.


Utilizzando il codice destinatario il processo di ricezione fatture è semplificato perché:

  • non è necessario monitorare nessuna casella PEC;

  • la conservazione delle fatture ricevute è automatica;

  • ogni fattura ricevuta può avere allegati fino ad un massimo di 150 MB;

  • è sempre possibile, in qualunque momento, accedere all’area WEB per consultare tutte le fatture ricevute ed emesse


Torna ai contenuti | Torna al menu