Modula3 il gestionale che fa per te. A partire da € 90,00. Provalo! Per 1 mese GRATIS !

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Modula3 - Fattura Elettronica Attiva

Prodotti

FATTURAZIONE ELETTRONICA
come prepararsi al nuovo obbligo in partenza dal 01-01-2019

Tutti i nostri gestionali MODULA3, ovvero OFFGesty, MYGesty e FITOGesty, sono stati adeguati per emettere le fatture, note di credito, note di debito sia verso la PA che verso i privati nel formato elettronico con protocollo XML. Sarà necessario e sufficiente impostare solo alcuni parametri relativi all'anagrafica della vostra azienda, quindi continuare a lavorare nello stesso modo di prima.
La prima cosa da fare è quella di comunicare nella vostra area riservata dell'Agenzia delle Entrate l'indirizzo telematico (c.d. "
codice destinatario") dove si desidera ricevere tutte le fatture di acquisto, fai clic qui per vedere come fare...

Ecco tutte le novità introdotte nei gestionali
MODULA3, le immagini potranno essere differenti in funzione del gestionale, ma il processo di funzionamento è uguale per tutti.

ANAGRAFICA CLIENTI

Nella fase di aggiornamento il "codice del destinatario" verrà impostato automaticamente al  valore di default che è "0000000". Sarà compito vostro modificare le anagrafice dei vostri clienti che vi comunicheranno il proprio codice destinatario.  In particolare, nel campo "codice del destinatario" va inserito un codice alfanumerico di 7 cifre che il vostro cliente vi deve comunicare e rappresenta l'indirizzo telematico al quale recapitare la fattura elettronica. Bisogna, invece, digitare sette volte zero se il cliente comunica un indirizzo Pec (da inserire nella scheda Rubrica del cliente) o se il cliente è un consumatore finale o se aderisce ad uno dei due regimi fiscali agevolati (di vantaggio o forfetario).  ATTENZIONE, quando si inserisce il codice "0000000" nel campo "codice del destinatario", ma non si indica una PEC valida (ad esempio, in caso di consumatori finali)  il Sistema di Interscambio  SdI - avverte l'Agenzia delle Entrate nella guida alla fattura elettronica - «non riuscirà a consegnare la fattura elettronica al cliente, ma la metterà a disposizione di quest'ultimo in un'apposita area di consultazione riservata del sito dell'Agenzia. Quindi, sarà importante che il fornitore consegni al cliente una copia, anche su carta, ricordandogli che la fattura originale è quella elettronica e che potrà consultarla e scaricarla dalla sua area riservata del sito dell'Agenzia delle Entrate». Quindi il nostro programma nel caso di cliente (consumatore finale, o appartenente a regimi fiscali agevolati) inserisce automaticamente una nota nella copia cartacea o Pdf della fattura per avvertire il cliente che la fattura originale è quella elettronica e potrà consultarla nella propria aria riservata del sito dell'Agenzia delle Entrate.

Il "
riferimento fornitore" è un valore facoltativo, serve ad immettere in fattura un valore, riferito al cedente/prestatore, che possa in qualche modo agevolare il trattamento automatico della fattura da parte di chi la riceve, ad esempio, il codice con il quale il cedente/prestatore è  "conosciuto" in una anagrafica fornitori gestita dal soggetto destinatario della fattura.

Nel riquadro FatturaPA sarà possibile indicare tutti i dati identificativi, solo nel caso di pubblica amministazione, per emettere fatture ad un ufficio della PA. Facendo clic sul pulsante accanto codice univoco sarete indirizzati alla pagina web dell'indice della pubblica amministrazione, dove cercare il codice univoco dell'Ente.

Nella scheda RUBRICA và memorizzata la PEC del cliente. Se indicata, il programma la includerà nel tracciato XML della fattura elettronica e potrà essere utile al sistema di interscambio per trasmette la fattura al cliente.
E' un valore non obbligatorio, ma noi consigliamo di indicarlo. Si ricorda che il SdI trasmette la fattura sempre all'indirizzo telematico indicato nell'area dell'Agenzia delle Entrate riservata al cliente. Solo nel caso in cui il cliente non ha indicato un codice destinatario, allora il SdI  trasmette alla casella di PEC indicata nella fattura da trasmettere.
Abbiamo incluso un pulsante che vi permette di accedere al sito Web UNIPEC, utilissimo per cercare e controllare la PEC dei clienti.

Abbiamo previsto anche il caso in cui il cliente sia un soggetto che non risiede in Italia ma che, in Italia, dispone di una stabile organizzazione attraverso la quale svolge la propria attività di fatturazione.
Oppure si avvale di un rappresentante fiscale.

DATI VOSTRA AZIENDA

Dal menù TABELLE->Personalizza Parametri Programma selezianate la scheda DATI AZIENDA. Molteplici sono i dati che possono essere personalizzati per automatizzare l'emissione, la visualizzazione, la trasmissione, la conservazione delle fatture elettroniche.
In questa scheda sono presenti i dati relativi alla trasmissione.

Sito web per trasmettere,

  • a) se avete deciso di utilizzare i servizi dell'intermediario da noi scelto, potete ignorare questa voce, perchè la trasmissione avverrà in automatico tramite la nostra interfaccia.

  • b) qualora decidiate di non utilizzare il codice destinatario da noi consigliato, qui va indicato l'indirizzo del sito web che avete scelto per la trasmissione e la conservazione delle fatture elettroniche. La trasmissione avverrà manualmente, una volta entrati sul pagina web, seguire le istruzioni per fare l'upload dei file XML che troverete nella cartella del vostro pc (vedi figura sotto)


Numero progressivo file XML,

tutti i file XML contenenti le fatture, note di credito, note di debito, parcelle elettroniche vanno numerati progressivamente per anno di emissione, qui è possibile indicare il numero dell'ultimo file generato. Attenzione questo numero non va confuso con quello della numerazione del documento emesso.


Ecco un esempio di come verranno memorizzate e catalogate nel vosrtro pc i file XML generati dal programma. In alto troviamo i file di stile, poi ci sono i file dei documenti emessi. Notate che oltre alla numerazione viene indicato il suo "status", ad esempio
CONSEGNATO, la fattura è stata trasmessa e ricevuta dal cliente
TRASMESSO, la fattura è stata trasmessa
BOZZA, la fattura è incompleta, mancano dei dati ed è in attesa di essere corretta
I file 00007,00008, 00009 sono pronti e debbono essere trasmessi. Si ricorda che la trasmissione va fatta entro le 24 ore dalla data di emissione.

Cartella XML acquisti,

a) se avete deciso di utilizzare i servizi dell'intermediario da noi scelto, potete ignorare questa voce, perchè vi verrà comunicato un codice destinatario dove verranno recapitate tutte le vostre fatture di acquisto. Il programma, tramite una interfaccia dedicata, controllerà nel web server e se presente una o più fatture di acquisto in arrivo, vi avviserà in automatico. Il controllo verrà eseguito in background (quindi senza disturbare o interrompere il vostro lavoro) ad ogni intervallo di tempo da voi impostato.b) qualora decidiate di non utilizzare il codice destinatario da noi consigliato, qui va indicato la cartella del vostro pc dove  memorizzerete i file XML delle fatture di acquisto che riceverete nella vostra PEC ovvero tramite i servizi di un intermediario di vostro gradimento.

Foglio di stile per XML,

si indica al programma con quale foglio di stile si intende visualizzare le fatture elettroniche. Abbiamo 2 fogli di stile, uno di nostra produzione (quello consigliato) e uno quello classico dato dalla Agenzia delle Entrate.



Ecco come le fatture di vendita o acquisto verranno visualizzate dal nostro programma grazie al foglio di stile do noi sviluppato. Sarà possibile anche stamparle tramite il menù che si attiva con il clic del pulsante destro del mouse.

DATI VOSTRA AZIENDA


I dati contenuti in questa scheda sono differenti in funzione del gestionale in vostro possesso. Troviamo tutti i dati utili per censire la vostra azienda. Molti di questi dati verranno utilizzati per la generazione del fatturazione elettronica. E' necessario indicare tutti i dati obbligatori, ma vi consigliamo di indicare anche quelli facoltativi.

ALBO PROFESSIONALE, RAPPRESENTANTE FISCALE E STABILE ORGANIZZAZIONE

I dati contenuti in questa scheda sono differenti in funzione del gestionale in vostro possesso. Troviamo tutti i dati utili per censire la vostra azienda. Molti di questi dati verranno utilizzati per la generazione del fatturazione elettronica. Sono tutti dati facoltativi e vanno indicati solo quando se ne presenta la necessità.

STABILE ORGANIZZAZIONE,

questo blocco di dati va compilato solo quando il cedente/prestatore é un soggetto che non risiede in Italia ma che, in Italia, dispone di una stabile organizzazione attraverso la quale svolge la propria attività (cessione di beni o prestazioni di servizi che sono oggetto della fatturazione)

RAPPRESENTANTE FISCALE,

questo blocco di dati va compilato solo quando il cedente/prestatore é un soggetto che non risiede in Italia ma che, in Italia, effettua operazioni rilevanti ai fini IVA e che si avvale, in Italia, di un rappresentante fiscale

ALBO PROFESSIONALE,

questo blocco di dati va compilato solo quando il cedente/prestatore é un professionista. Consente di inserire tutte le informazioni relative all'albo professionale a cui il cedente/prestatore appartiene. ATTENZIONE. Se viene indicato questo blocco di dati, il programma si predispone alla generazione di PARCELLE e non di FATTURE. Si ricorda che questo blocco di dati è presente solo nel gestionale MYGESTY.

TABELLA  FATTURE  VENDITE


I dati contenuti in questa tabella sono differenti in funzione del gestionale in vostro possesso. Abbiamo aggiunto 2 colonne utili alla gestione delle fatture elettroniche.

  • il numero del file XML associato alla fattura

  • lo "status" della fattura, esso evidenzia se una fattura è stata trasmessa, consegnato, scartata, ecc...


In alto, nella barra dei pulsanti, abbiamo aggiunto un nuovo pulsante XML, esso è multifunzianale, ovvero si possono attivare diverse processi anche in funzione del tipo di WEBSERVICE da voi scelto:

  • Trasmissione automatico delle fatture emesse della giornata, solo se si adotta il codice destinatario da noi consigliato

  • Cambiare "status" di una o di un gruppo di fatture

  • Veificare la validità di una fattura

  • Collegarsi al sito web dove trasmettere manualmente le fatture, solo se non si adotta il codice destinatario da noi consigliato

  • Visualizzare e stampare, con il foglio di stile da voi scelto, la fattura elettronica.


Si ricorda che tutte le fatture emesse con i gestionali
MODULA3 potranno essere stampate, esportate in PDF, inviate tramite mail utilizzando i modelli cartacei già presenti nella procedura ovvere quelli che state utilizzando adesso.


EMISSIONE FATTURE  VENDITE


I dati contenuti in questa tabella sono differenti in funzione del gestionale in vostro possesso. Moltissimi processi di questo modulo sono stati modificati per adeguarli alle numerose possibilità offerte dalla fatturazione elettronica. Nella foto notate cinque nuove colonne utili a gestire i riferimenti: documenti collegati,  periodo, ritenuta d'acconto, sconto, maggiorazioni, spese accessorie. Nella foto è evidenziata una fattura differita, i riferimenti ai numeri di D.d.T. collegati verranno impostati automaticamente. E' possibile modificare qualsiasi riferimento della riga evidenziata, basta fare un doppio clic su di esso per aprire la scheda di modifca/inserimento riferimenti, ecco come si presenta



E' possibile scegliere il tipo di documento collegato:

  • D.d.T di Vendita, nel caso di fattura differita, verrà impostato in automatico

  • Fattura di Acconto, utile per mettere i riferimenti di una o più fatture di acconto

  • Fattura di Vendita, utile quando si emette una nota credito, possiamo indicare il riferimento alla fattura di vendita


La voce "
Rif.Amministrativo",  sarà utile nella fatturazione verso la pubblica amministrazione. Serve ad indicare un eventuale riferimento  ritenuto utile per il destinatario del documento ai fini amministrativo - contabili - gestionali al fine di agevolare il trattamento automatico della fattura da parte di chi la riceve (si pensi, ad esempio, al capitolo di spesa, al conto economico...)

Le voci "
Inizio periodo e fine periodo", sono utili per evidenziare eventuale periodo temporale a cui si riferisce una prestazione  
La voce "
Riga soggetta a ritenuta d'acconto", sarà utile quando la prestazione indicata in fattura è soggetta a ritenuta d'acconto.


Facendo clic sul pulsante
SPESE E PROVVIGIONI, si trova nella barre dei pulsanti, comparirà una scheda come nella figura sotto.



Si possono inrerire diverse tipologie di righe:

  • Spese accessorie, per indicare eventuali spese di trasporto, imballo, incassi...

  • Acconto, utile quando si emette una fattura di acconto

  • Sconto, per indicare eventuale sconto da applicare al documento

  • Abbuono, per indicare eventuale abbuono da applicare al documento



Facendo clic sul pulsante
STAMPA, si trova nella barre dei pulsanti, comparirà una scheda come nella figura sotto.




Questa scheda già la conoscete. Come prima cosa viene generato il file XML della fattura elettronica, poi da questa scheda avete la possibilità di stampare una copia cartacea, di inviarla in PDF nella mail del cliente. Quindi, ripeto, avete sempre la possibilità di dare al vostro cliente la copia cartacea.
Attenzione la copia cartacea dal 01-01-2019 non avrà nessun valore fiscale e la fattura si ritiene non emessa se non viene trasmessa tramite il SdI dell'Agenzia delle Entrate.
Per questo motivo, per tutte le fatture emesse dopo il 01-01-2019, il nostro gestionale inserirà nella copia cartanea una nota che sarà diversa per le ditte o per i consumatori finali:

  • Per le ditte: "La presente e' solo una copia non fiscale. Il documento originale e' quello elettronico ed e' stato trasmesso tramite il SdI  all'indirizzo telematico indicato nella propria area riservata del sito dell'Agenzia delle Entrate"

  • Per consumatori finali: "La presente e' solo una copia non fiscale. Il documento originale e' quello elettronico e che potra' essere consultato e scaricato nella propria area riservata del sito dell'Agenzia delle Entrate"


 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu